portale internet di informazione e promozione dei prodotti tipici italiani

 

L'Emilia Romagna e i suoi Prodotti tipici

RICERCA  NEL  PORTALE

Homepage
Indice Emilia Romagna
I consorzi di tutela
I Prodotti di qualità
Bevande
Carni e Salumi
Condimenti
Oli Extravergini
panetteria pasticceria
prodotti ittici
gastronomia
Prodotti origine animale
Prodotti origine vegetale
Vini Liquori & distillati
Artigianato
News dalle aziende
Eventi e Manifestazioni
Comunicati
Sagre
Ricette Tipiche

MARRONE DI CASTEL DEL RIO

disciplinare   aziende


IGP - REG. CEE nr. 1263 del 01/07/96

CENNI STORICI
Castel del Rio è stato un importante centro commerciale nel Medioevo, avendo “... ogni settimana il più bel mercato di Romagna”, ma è con il ’600 che si hanno le prime notizie del Marrone. Con il miglioramento delle comunicazioni viarie e ferroviarie, nell’800 si assiste alla sempre maggiore diffusione di questo prodotto in Italia e all’estero: in questo periodo sono infatti numerose le sagre e le fiere del Marrone. Sulla base di dati risalenti al 1885 si apprende che ben 1.450 ettari (circa il 40% di tutto il terreno coltivato) erano occupati da castagneto a frutto.

AREA DI PRODUZIONE
Il territorio dei Comuni di Castel del Rio, Fontanelice, Casal Fiumanese e Borgo Tassignano, in provincia di Bologna.

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO
Il Marrone di Castel del Rio è un frutto dalla forma prevalentemente ellissoidale, con apice poco pronunciato e tomentoso, avente una faccia laterale piatta e l’altra marcatamente convessa; la pezzatura è medio-grossa (90 frutti/kg) ed il riccio (o cardo ) contiene non più di tre frutti.

Il pericarpo, sottile e striato, è di colore bruno rossiccio, mentre la polpa del seme è bianca, croccante, priva di solcature e di gradevole sapore dolce.

TECNICHE DI PRODUZIONE
I castagneti devono essere situati ad una altitudine di 200-800 metri s.l.m.; la densità massima consentita è pari di 73-125 piante per ettaro, mentre la produzione unitaria massima è fissata in 15 q.li di frutti per ettaro. Dopo la raccolta, si eseguono le operazioni di cernita, calibratura, trattamento con la “cura” in acqua (fredda e/o calda a seconda della tradizione locale). Ai fini dell’immissione al consumo, i Marroni di Castel del Rio sono confezionati in sacchetti sigillati da 1, 2, 5 e 10 kg.
 

Marroni di Castel del Rio, leccornia europea

 

La media Valle del Santerno racchiude, prezioso tesoro, antiche selve di grandi castagni. Delizioso frutto di questi boschi è il prelibato marrone di Castel del Rio.

Prodotti naturali di queste splendide colline, i marroni sono ben diversi dalle più comuni castagne.

In primo luogo, il marrone si distingue per il gusto: più dolce e profumato, racchiude ed esalta gli aromi e i sapori del bosco.marrone di denominazione di origine protetta

Inoltre il marrone ha una pezzatura molto maggiore della castagna, tanto è vero che un riccio racchiude al massimo 2 o 3 frutti.

Ultima delle sue qualità, il marrone è protetto da una buccia bruna e da una sottile pellicina che possono essere asportate con estrema facilità, operazione quasi impossibile con le castagne.

La squisitezza e la naturalità di questo prodotto fanno dei marroni l'ingrediente principe di numerose preparazioni culinarie che, in autunno, trionfano sulle tavole dei gourmets.

A tutela di questo autentico patrimonio gastronomico i castanicoltori di Castel del Rio si sono riuniti in un Consorzio e hanno ottenuto il riconoscimento europeo di Indicazione Geografica Protetta.

L'I.G.P. assicura la qualità e la genuinità dei marroni di Castel del Rio e ne accompagna la vendita in Italia e all'estero.

Un prodotto buono e naturale

vendita marroni dopCiò che per secoli ha fatto la fortuna di castagne e marroni come base dell'alimentazione è stata la facilità di conservazione di questi deliziosi frutti. Le qualità più pregiate erano quelle che si conservavano meglio. E che potevano diventare preziose merci di scambio. Nel medioevo, ad esempio, castagne e marroni dei nostri Appennini arrivavano fino a Parigi e al Cairo.

Tutta la bontà dei marroni si assapora pienamente in autunno, ma la sapienza delle popolazioni montane ha elaborato un procedimento tutto naturale per conservare fino a primavera la squisitezza dei frutti.marroni in vendita

Per circa 8 giorni si immergono i marroni in acqua, in modo da provocare una leggera fermentazione. I frutti vengono poi fatti asciugare in locali ben aerati e raccolti in sacchetti di rete.

Questo semplice metodo permette di apprezzare il gusto dei marroni fino in primavera. E, soprattutto, rispetta la naturalità del prodotto.

Nella coltivazione dei marroni, infatti, non si ricorre ad alcuna sostanza chimica.

Le piante si nutrono esclusivamente di quello che la terra offre loro spontaneamente, senza concimi o trattamenti antiparassitari. Questa prelibatezza gastronomica è un dono tutto naturale del sole e della terra, prodotta nel massimo rispetto della salute e del'ambiente.

 

Marroni di Castel del Rio, bontà naturale a marchio I.G.P.

Il Marrone di Castel del Rio nasce e cresce naturalmente nei boschi della Valle del Santerno. Si distingue dalla castagna non tanto per la dimensione quanto per la forma, oblunga, e per la qualità della polpa fine, di sapore dolce e intenso.

Naturale e squisito è il protagonista di numerosi piatti tipici. Molto apprezzati sono i brusè, che hanno una cottura simile rispetto a quella prevista per le caldarroste e sono quindi spesso impropriamente scambiati con esse: i marroni vengono incisi, cotti in una padella forata (brusadûr) e serviti caldissimi. La qualità del Marrone di Castel del Rio è garantita e riconosciuta in tutta Europa dal marchio I.G.P. - Indicazione Geografica Protetta.

 

Un frutto naturale al 100%

Nel Medioevo castagne e marroni rappresentavano preziose merci di scambio grazie alla possibilità di una lunga conservazione. Venivano immersi in acqua per 8 giorni, in modo da provocare una leggera fermentazione, venivano poi fatti asciugare in luogo aerato, raccolti in rete e conservati dall'autunno alla primavera successiva. Si pensi che erano apprezzati fino a Parigi e al Cairo.

 

Facile da conservare, speciale da gustare

Il marrone è un frutto sano e genuino, che viene coltivato senza l'impiego di alcuna sostanza chimica. Oggi conservare i marroni è molto più semplice e possiamo assaporarne il gusto tutto l'anno. È sufficiente metterli in freezer negli appositi sacchetti ed avremo una scorta di bontà a portata di mano.

fonte http://www.marronedicasteldelrio.it/ tutti i diritti riservati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  affiliate


 
DORMIREINITALIA.COM - VINI-ITALIA.IT- ALBERGHI-ITALIA.IT ISAPORIDISICILIA.COM - VINI-SICILIA.IT - OLI-SICILIA.IT - ORODEGLIIBLEI.IT - E0LIE.IT - SICILIANELPIATTO.IT - SITOSICILIA.IT - GUIDASICILIA.NET DOLCIDISICILIA.IT - DORMIREINSICILIA.IT  - TIPICO-SICILIA.IT - ALBERGHI-SICILIA.IT - PRIMA DEL SI - ART1.IT SICILIA1 SICILY1 - AGRIGENTO1 - CALTANISSETTA1 - CATANIA1 - ENNA1 - MESSINA1 - PALERMO1 - RAGUSA1 - SIRACUSA1 -TRAPANI1 - PANTELLERIA1 - TAORMINA1  -   TIPICODITALIA.IT
 

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

 


Art Advertising  non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti