portale internet di informazione e promozione dei prodotti tipici italiani

 

L'Emilia Romagna e i suoi Prodotti tipici

RICERCA  NEL  PORTALE

Homepage
Indice Emilia Romagna
I consorzi di tutela
I Prodotti di qualità
Bevande
Carni e Salumi
Condimenti
Oli Extravergini
panetteria pasticceria
prodotti ittici
gastronomia
Prodotti origine animale
Prodotti origine vegetale
Vini Liquori & distillati
Artigianato
News dalle aziende
Eventi e Manifestazioni
Comunicati
Sagre
Ricette Tipiche

SCALOGNO DI ROMAGNA


IGP - G.U. Comunità Europee - L. 322/33 del 25/11/97

Ente di controllo:
Ministero per le Politiche Agricole
Via XX Settembre 20
00187 Roma

CENNI STORICI
Lo Scalogno di Romagna giunse in Italia nei primi anni del ’900: esso proveniva dalla Francia dove era già conosciuto dal XII secolo. Si differenzia dalla varietà francese per avere un aroma meno simile all’aglio, radici più lunghe e foglie dalla diversa conformazione. Ben presto entrato nella tradizione della gastronomia locale, lo Scalogno di Romagna viene citato in numerose pubblicazioni.

AREA DI PRODUZIONE
Il territorio di alcuni Comuni delle province di Ravenna, Forlì e Bologna.

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO
Lo Scalogno di Romagna ha bulbi cipollini di forma allungata, aventi colore che varia dal giallo al cuoio-fulvo-bruno al grigio. La pianta presenta radici lunghe e folte, e foglie affusolate. Il bulbo pulito, a forma di fiaschetto allungato è bianco striato violaceo ed il suo sapore è dolce e delicato, aromatico e penetrante.

TECNICHE DI PRODUZIONE
Lo Scalogno di Romagna cresce in collina, su terreni a tessitura media argillosa, asciutti e ben drenati, ricchi di potassio e sostanze organiche. Devono trascorrere cinque anni affinchè lo Scalogno possa essere nuovamente coltivato sullo stesso appezzamento di terreno; analogamente non può essere coltivato dopo altre liliacee (aglio o cipolla), solanacee, barbabietole o cavoli, mentre è ammessa la rotazione con frumento, orzo, radicchio, insalate e carote. L’impianto deve essere effettuato a novembre-dicembre: la messa a dimora manuale dà la migliore resa produttiva, soprattutto se si procede anche ad una leggera rullatura del suolo; la raccolta, invece, incomincia dal mese di giugno dell’anno successivo, per lo Scalogno da consumare fresco, e prosegue fino a luglio, per quello da conservare e trasformare. La produzione unitaria massima consentita di 60-80 q.li per ettaro.

Il prodotto viene immesso al consumo sia fresco che secco: nel primo caso lo Scalogno legato in mazzetti da 500 grammi, nel secondo in mazzetti, trecce o reti di plastica da 100 gr.

 

Le Aziende Produttici
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  affiliate


 
DORMIREINITALIA.COM - VINI-ITALIA.IT- ALBERGHI-ITALIA.IT ISAPORIDISICILIA.COM - VINI-SICILIA.IT - OLI-SICILIA.IT - ORODEGLIIBLEI.IT - E0LIE.IT - SICILIANELPIATTO.IT - SITOSICILIA.IT - GUIDASICILIA.NET DOLCIDISICILIA.IT - DORMIREINSICILIA.IT  - TIPICO-SICILIA.IT - ALBERGHI-SICILIA.IT - PRIMA DEL SI - ART1.IT SICILIA1 SICILY1 - AGRIGENTO1 - CALTANISSETTA1 - CATANIA1 - ENNA1 - MESSINA1 - PALERMO1 - RAGUSA1 - SIRACUSA1 -TRAPANI1 - PANTELLERIA1 - TAORMINA1  -   TIPICODITALIA.IT
 

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

 


Art Advertising  non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti