portale internet di informazione e promozione dei prodotti tipici italiani

 

La Lombardia e i suoi Prodotti tipici

RICERCA  NEL  PORTALE

Homepage
Indice Lombardia
I consorzi di tutela
I Prodotti di qualità
Bevande
Carni e Salumi
Condimenti
Oli Extravergini
panetteria pasticceria
prodotti ittici
gastronomia
Prodotti origine animale
Prodotti origine vegetale
Vini Liquori & distillati
Artigianato
News dalle aziende
Eventi e Manifestazioni
Comunicati
Sagre
Ricette Tipiche

QUARTIROLO LOMBARDO

disciplinare di produzione

scheda

aziende produttrici


DOC - DPCM 10/05/1993
DOP - REG. CEE nr. 1107/96 del 12/06/1996

CENNI STORICI
Formaggio antico, la cui produzione è testimoniata a partire dal X secolo, era un tempo conosciuto col nome di “Stracchino Quadro”. Il nome Quartirolo si afferma soltanto quando inizia la fase evolutiva dello sfruttamento del bestiame in forma transumante, in malga d’estate e al piano d’inverno. A settembre, alla discesa dagli alpeggi, i mandriani lombardi erano soliti lasciar pascolare le mandrie nell’erba quartirola, cioè quella cresciuta dopo il terzo taglio estivo. Da qui, il nome Quartirolo.

AREA DI PRODUZIONE
La zona di provenienza del latte, di trasformazione e elaborazione del formaggio Quartirolo Lombardo comprende le provincie di Brescia, Bergamo, Como, Cremona, Milano, Pavia e Varese.

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO
Il Quartirolo Lombardo è un formaggio molle da tavola prodotto con latte vaccino derivante da almeno due mungiture di cui quella o quelle successive alla prima possono fornire latte intero o parzialmente scremato. Ha forma di parallelepipedo quadrangolare, di crosta da bianco-rosata a grigio-verde rossastra, con una percentuale di grasso non inferiore al 30 per cento sul secco.

TECNICHE DI PRODUZIONE
La lavorazione avviene oggi sia con latte parzialmente scremato che con latte intero, mentre un tempo si utilizzava solo latte scremato. Dopo aver riscaldato il latte a una temperatura fra i 35 e i 40°C , si aggiunge caglio liquido di vitello e dopo 25 minuti si ottiene la cagliata. La massa viene messa a sgrondare in teli per circa 15 minuti, altrimenti la si pone direttamente nelle fascere in un ambiente di stufatura alla temperatura tra i 26 e i 28°C per un minimo di 4 ore e un massimo di 24. Successivamente si procede alla salatura, che può essere effettuata a secco o per immersione di 10 ore in un bagno di salamoia al 18 per cento di concentrazione. Poi il formaggio passa alla stagionatura. Un tempo lo si poneva su scalere di legno con un letto in paglia di segale, oggi lo si stocca in celle termoregolate a una temperatura tra i 2 e gli 8°C , dove matura da un minimo di 5 giorni per il tipo a pasta tenera fino ai 30 necessari perché si possa fregiare della denominazione “Quartirolo Lombardo”.
 

 
Le Aziende Produttici
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  affiliate


 
DORMIREINITALIA.COM - VINI-ITALIA.IT- ALBERGHI-ITALIA.IT ISAPORIDISICILIA.COM - VINI-SICILIA.IT - OLI-SICILIA.IT - ORODEGLIIBLEI.IT - E0LIE.IT - SICILIANELPIATTO.IT - SITOSICILIA.IT - GUIDASICILIA.NET DOLCIDISICILIA.IT - DORMIREINSICILIA.IT  - TIPICO-SICILIA.IT - ALBERGHI-SICILIA.IT - PRIMA DEL SI - ART1.IT SICILIA1 SICILY1 - AGRIGENTO1 - CALTANISSETTA1 - CATANIA1 - ENNA1 - MESSINA1 - PALERMO1 - RAGUSA1 - SIRACUSA1 -TRAPANI1 - PANTELLERIA1 - TAORMINA1  -   TIPICODITALIA.IT
 

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

 


Art Advertising  non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti