portale internet di informazione e promozione dei prodotti tipici italiani

 

 

Homepage
I consorzi di tutela
I Prodotti di qualità
Bevande
Carni e Salumi
Condimenti
Oli Extravergini
panetteria pasticceria
prodotti ittici
gastronomia
Prodotti origine animale
Prodotti origine vegetale
Vini Liquori & distillati
Artigianato
Pane tradizionale napoletano
Circa quaranta anni fa, nei paesi della zona vesuviana non c’era niente di più gradito ai bambini che essere mandati a prendere la “palatella” o la “palata” di pane fresco, magari dalla signora che l’infornava nel forno a legna di casa sua, e la vendeva calda e croccante, avvolta in fogli sottili di carta beige, da cui sprigionava un profumo che finiva per diventare irresistibile.

La conclusione della spedizione era sempre la stessa: si tornava a casa col bottino dimezzato, perché, dopo aver staccato e mangiato il “cozzetiello”, la paste terminale del pezzo, si attaccava maldestramente il resto, finendo col consegnare alla mamma il pezzo di pane privo di una parte cospicua.

Le nuove norme della panificazione hanno cambiato molto l’aspetto del pane quotidiano, ma parecchi fornai, in molti luoghi della Campania, continuano a panificare secondo le regole della buona tradizione antica, mantenendo viva un’arte che produce pani fragranti e attribuibili, in base alla forma e alle caratteristiche, ai luoghi di provenienza. In Irpinia, si apprezzano le tonde panelle, di quasi due chili, di pane di “iurmano”cioè di segale, che si distingue per le scanalature irregolari della superficie e il colore scuro. Montecalvo Irpino e Calitri producono da sempre un ottimo pane”casereccio”, con crosta spessa e alta mollica ben lievitata.

Nei paesi del Sannio beneventano, il pane pizza bianco è una focaccia schiacciata, quasi una ciambella bassa con buco d’ordinanza, che fa compagnia al pane di Saragolla, cioè di segale, tondo e alto. Nella provincia di Napoli, il “pane di casa” ha una storia e un sapore tutto particolare. A San Sebastiano al Vesuvio e a Somma Vesuviana i pezzi di pane hanno forma oblunga (palate o palatelle, dette così perché ricordano la forma della pala per infornarle), dal peso di circa 2 chili o di poco meno di un chilo.

Ma è a Villaricca che spetta il primato del pane “cafone”. Qui la tradizione contadina raggiunse nella panificazione livelli di eccellenza, tanto che il paese stesso, fino al XVIII secolo, si chiamava Panicocoli, dal termine latino medievale che indicava il fornaio. Il segreto dei “panielli” circolari o delle “panelle” allungate stava e tuttora risiede, oltre che nella cottura in forno a legna, nel “criscito”, lievito madre che ogni giorno si rinnova reimpastandolo con acqua e farina per il nuovo pane.

Qualche fornaio vanta il possesso di un “criscito” centenario! Il pane “tradizionale, “casereccio” o “cafone” che chiamar si voglia, è sapido, si conserva per diversi giorni e, una volta secco, è ottimo come fondo di zuppe di ortaggi e legumi. In tempi di baguette e panini americani, una tipicità da riscoprire ed apprezzare, per avere ancora una volta la conferma che la bontà ha il gusto della semplicità. Una fetta di pane napoletano fresco, un filo d’olio d’oliva e, d’estate, un pomodoro San Marzano aperto e schiacciato su questo morbido letto, sono uno spuntino che non ha rivali per gusto, genuinità e salute.

Maddalena Venuso
venuo@studiosema.it

Fonte © Oliovinopeperoncino Per Gentile concessione

   

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  affiliate

   
Realizzazione Art Advertising

DORMIREINITALIA.COM - VINI-ITALIA.IT- ALBERGHI-ITALIA.IT ISAPORIDISICILIA.COM - VINI-SICILIA.IT - OLI-SICILIA.IT - ORODEGLIIBLEI.IT - E0LIE.IT - SICILIANELPIATTO.IT - SITOSICILIA.IT - GUIDASICILIA.NET DOLCIDISICILIA.IT - DORMIREINSICILIA.IT  - TIPICO-SICILIA.IT - ALBERGHI-SICILIA.IT - PRIMA DEL SI - ART1.IT SICILIA1 SICILY1 - AGRIGENTO1 - CALTANISSETTA1 - CATANIA1 - ENNA1 - MESSINA1 - PALERMO1 - RAGUSA1 - SIRACUSA1 -TRAPANI1 - PANTELLERIA1 - TAORMINA1  -   TIPICODITALIA.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

 

Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti