portale internet di informazione e promozione dei prodotti tipici italiani

 

La Sardegna e i suoi Prodotti tipici

RICERCA  NEL  PORTALE

Homepage
Indice Sardegna
I consorzi di tutela
I Prodotti di qualità
Bevande
Carni e Salumi
Condimenti
Oli Extravergini
panetteria pasticceria
prodotti ittici
gastronomia
Prodotti origine animale
Prodotti origine vegetale
Vini Liquori & distillati
Artigianato
News dalle aziende
Eventi e Manifestazioni
Comunicati
Sagre
Ricette Tipiche

FIORE SARDO

indietro aziende produttici disciplinare di produzione


DOC - DPCM 30/10/1955 nr. 1269
DOP - REG. CEE nr. 1263 del 01/07/1996

CENNI STORICI
Il Fiore Sardo deriva dai formaggi prodotti in Sardegna fin dall’età nuragica, quindi molto prima dell’importazione sull’isola del Pecorino Romano da parte dei legionari dell’esercito romano. Numerose sono le testimonianze storiche della produzione di questo formaggio, ad esempio, padre Francesco Gemelli in un suo trattato del 1776 intitolato “Rifiorimento della Sardegna nel miglioramento di sua agricoltura” parla del Fiore Sardo, così come il La Marmora nell’opera storico geografica “Voyage en Sardigne” del 1826.

AREA DI PRODUZIONE
Parte del territorio della regione Sardegna.

CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO
Formaggio a pasta dura e cruda prodotto esclusivamente con latte ovino. La pasta è dura, compatta, di colore bianco o giallo paglierino. La crosta esterna è, invece, secca e di colore giallo carico o marrone scuro. Le forme sono costituite da due tronchi di cono molto schiacciati a basi orizzontali, uniti fra loro rispettivamente per la base maggiore e conferenti allo scalzo la caratteristica forma a “schiena di mulo”. Il peso di tali forme può variare da 1,5 a 4 chilogrammi. Ha un sapore più o meno piccante a seconda della stagionatura.

TECNICHE DI PRODUZIONE
Il latte di pecora, appena munto, viene riscaldato alla temperatura di 32-38°C e portato alla coagulazione mediante l’aggiunta di caglio di agnello o, più raramente, di capretto in un tempo che varia dai 20 ai 30 minuti. Una volta avvenuta la rottura del coagulo in grani delle dimensioni di un chicco di riso, si fa depositare la cagliata sul fondo della caldaia, lasciando formare la pasta che viene poi trasferita a pezzi nei caratteristici stampi troncoconici. Durante il riempimento delle forme, si provvede a frantumare e pressare la pasta con le mani per favorire l’espulsione del siero. Quando la forma ha raggiunto una certa consistenza viene estratta dagli stampi e rivoltata. Dopo 24 ore si procede alla salatura che è di tipo misto, in salamoia e a secco. Prima di essere trasferita nei locali per la stagionatura, la forma viene lasciata asciugare per alcuni giorni e subisce una leggera affumicatura. La maturazione avviene in fresche cantine del centro Sardegna e dura almeno 2 mesi.
 

 
Le Aziende Produttici
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  affiliate


 
DORMIREINITALIA.COM - VINI-ITALIA.IT- ALBERGHI-ITALIA.IT ISAPORIDISICILIA.COM - VINI-SICILIA.IT - OLI-SICILIA.IT - ORODEGLIIBLEI.IT - E0LIE.IT - SICILIANELPIATTO.IT - SITOSICILIA.IT - GUIDASICILIA.NET DOLCIDISICILIA.IT - DORMIREINSICILIA.IT  - TIPICO-SICILIA.IT - ALBERGHI-SICILIA.IT - PRIMA DEL SI - ART1.IT SICILIA1 SICILY1 - AGRIGENTO1 - CALTANISSETTA1 - CATANIA1 - ENNA1 - MESSINA1 - PALERMO1 - RAGUSA1 - SIRACUSA1 -TRAPANI1 - PANTELLERIA1 - TAORMINA1  -   TIPICODITALIA.IT
 

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

 


Art Advertising  non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti